Fondi a chi forma gli immigrati

Arrivano i fondi per l’insegnamento della cultura civica e della vita civile in Italia, nonché della lingua italiana, ai cittadini extracomunitari.
Si tratta di 18 milioni di euro provenienti dall’azione 1/2012 del Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi.
Il bando, gestito dal ministero dell’interno, prevede che le proposte progettuali siano presentate esclusivamente per via telematica attraverso il portale https://www.fondisolid.interno.it a partire dalle ore 12 del 13 giugno 2013 e fino alle ore 16 del 28 giugno 2013.Enti locali partner delle regioniSono ammessi a presentare proposte progettuali, in qualità di soggetto proponente unico o di capofila di soggetto proponente associato, esclusivamente le regioni ordinarie, regioni a statuto speciale e province autonome, unitamente all’Ufficio scolastico regionale territorialmente competente in qualità di partner obbligatorio.
Gli enti locali possono partecipare al progetto in qualità di partner facoltativi.
Sono altresì ammessi a partecipare gli istituti e scuole pubbliche di istruzione primaria e secondaria, Università, istituti di ricerca, fondazioni, ong, associazioni od onlus.
Le attività esecutive dei progetti e l’ambito territoriale dell’intervento dovranno avere dimensione regionale o, nel caso di progetti presentati da Province autonome, dimensione provinciale.
Destinatari i cittadini extracomunitari presenti in ItaliaSono destinatari finali della proposta progettuale i cittadini di paesi al di fuori dell’Unione europea regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale.
Non sono destinatari finali i cittadini di paesi terzi che hanno presentato una domanda di asilo, riguardo alla quale non è stata ancora presa una decisione definitiva o godono dello status di rifugiati o della protezione sussidiaria o che soddisfano i requisiti per essere riconosciuti come rifugiati o sono ammissibili alla protezione sussidiaria.Finanziabili la formazione civica e linguisticaI contributi sono destinati al sostegno dei piani regionali per la formazione civico linguistica dei cittadini di paesi terzi, articolati in azioni corsi di integrazione linguistica e sociale, servizi di accoglienza e orientamento, servizi complementari, azioni di supporto gestionale.
Le azioni formative sono progettate e attuate in modo da far acquisire allo straniero un livello di conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello A2 del Qcer ed un livello di conoscenza della cultura civica e della vita civile in Italia, coerente con le disposizioni del citato dpr 179/2011.
I servizi mirati sono progettati e attuati in stretto raccordo organico con le azioni formative, in modo da assicurare efficacia ed efficienza alle azioni formative medesime, attraverso una rete territoriale per l’integrazione linguistica e sociale dei cittadini extracomunitari.

formazione_extracomunitari

Qui l’articolo di ItaliaOggi: leggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...